Come preparare un secondo piatto gustoso, con il sapore dei nostri vini.

Ingredienti per 6 persone:

Per la polenta

2 litri d’acqua, 500gr di farina di mais, 1 cucchiaio di olio d’oliva, sale q.b.

Per il coniglio

1 litro di vino rosso Furius, 2 spicchi d’aglio, 2 foglie di alloro, 4 foglie di basilico, 1 stecca di cannella, 1 carota, 3-4 chiodi di garofano, 2 cipolle medie, 1 coniglio (circa 1,2 Kg), 2 cucchiai di farina, 6 cucchiai di olio d’oliva, 5-6 grani di pepe, 3 rametti di prezzemolo, 2 rametti di rosmarino, 3-4 foglie di salvia, 1 costa di sedano, 2 rametti di timo, sale q.b.

 

Preparazione:

Eliminate la testa, il grasso e gli organi interni dal coniglio, poi tagliatelo a pezzi, lavatelo e tamponatelo con della carta da cucina. Mettete i pezzi di coniglio in una ciotola capiente e aggiungete una cipolla sbucciata e tagliata a pezzi grossolani, una carota sbucciata e tagliata a rondelle, la costa di sedano a pezzetti, l’aglio sbucciato e schiacciato, il rosmarino, il timo, i chiodi di garofano, la cannella, i grani di pepe, le foglie di salvia, basilico, alloro e prezzemolo.

Versate ora nella ciotola vino rosso Furius fino a coprire il tutto, aggiungete un paio di prese di sale e sigillate la ciotola con della pellicola trasparente (o copritela con un coperchio) e mettete il tutto a macerare in frigorifero per un minimo di 12 ore fino ad un massimo di 24 ore. Trascorso il tempo di macerazione, sgocciolate il coniglio, tamponatelo con carta da cucina e infarinate i vari pezzi.

In una padellina, mettete l’olio e la cipolla rimasta tritata finemente ad appassire a fuoco basso per 10-15 minuti; trasferite la cipolla in una padella o tegame capiente (che possa contenere il coniglio e successivamente anche le verdure della marinata e il liquido) aggiungete i pezzi di coniglio infarinati e fateli dorare da entrambi i lati.

Nel frattempo sgocciolate anche le verdure e le spezie ed unitele al coniglio; lasciate rosolare per 5 minuti a fuco dolce rigirando di tanto in tanto. A questo punto aggiungete la marinata rimasta (ormai solo il liquido), che dovrà più o meno coprire il coniglio, mettete sul tegame il coperchio e lasciate cuocere a fiamma dolce per almeno 50-60 minuti. Nel frattempo, preparate la polenta mettendo un paio di litri di acqua sul fuoco: non appena arriverà a bollore, aggiungete il sale e un cucchiaio di olio extravergine di oliva, quindi togliete la pentola dal fuoco, aggiungete a pioggia la farina di mais che mescolerete con una frusta.

Mettete di nuovo la pentola sul fuoco (dolce) e mescolate con un mestolo di legno fino a che la polenta non sarà cotta, quindi versatela in un contenitore (meglio se rettangolare) che avrete precedentemente spennellato con dell’olio. Lasciate raffreddare la polenta per bene e poi capovolgetela su di un piano e tagliatela a fette dello spessore di circa 1 cm che, volendo, potrete anche grigliare su di una bistecchiera.

Torniamo al nostro coniglio: trascorso il tempo di cottura, togliete il coperchio dal tegame e aggiustate di sale e pepe. Togliete il tegame dal fuoco, sgocciolate i pezzi di coniglio e adagiateli in un contenitore che terrete al caldo. Frullate il fondo di cottura (liquido e verdure) così da ottenere una crema che farete ridurre fino a raggiungere la densità desiderata;

aggiungete i pezzi di coniglio, lasciate cuocere per 5 minuti tutto assieme e poi spegnete. Servite immediatamente il coniglio cin salmì con le fette di polenta irrorandole con il fondo di cottura ottenuto.

 

Fonte: Giallo Zafferano

Condividi su:
Top

You must be 21 years old to visit this site.

Please verify your age. Note: This popup can be deactivated from the backend or set on specific pages.

- -